Il 548° anniversario della morte di Giorgio Castriota detto Scanderberg

Domenica 17 gennaio 2016 i fedeli della Parrocchia del Santissimo Salvatore  di Cosenza, di rito greco-bizantino, facente capo all’Eparchia di Lungro, dopo la Divina Liturgia in lingua albanese, presieduta dal protopresbitero Pietro Lanza, deporranno alle ore 12, una corona sul busto di Scanderbeg, posto nei pressi della Chiesa, sulla balconata di corso Plebiscito.

Il bassorilievo di Scanderberg realizzato dallo scultore albanese Odhise Pahkali

L’omaggio all’«atleta di Cristo», come fu chiamato l’eroe albanese da parte del papa Callisto III, vuole ricordare il 548° anniversario della morte di Giorgio Castriota detto Scanderberg, che con la sua astuzia militare fermò l’avanzata ottomana in Albania e nell’intera Europa.

ll bassorilievo di Scanderberg in corso Plebiscito con alle spalle la Città di Cosenza

Il bassorilievo fu realizzato da Odhise Paskali il più importante artista e scultore albanese del XX secolo; su richiesta dell’on. Mario Brunetti fu donato dalla Repubblica Popolare d’Albania alla città di Cosenza e nel 1978 fu posto nella piazza XXV Luglio (vicino piazza Cappello), poi nel 1988, su richiesta di papàs Antonio Bellusci, primo parroco della Chiesa del Santissimo Salvatore, fu spostato nella sede attuale, nei pressi della Parrocchia di rito greco-bizantino per solennizzare il decimo anniversario dell’erezione della Parrocchia “personale” per gli italo-albanesi cosentini.

Evento anche a San Costantino Albanese (PZ)

Il Comitato 548° G.K. SKANDERBEG – Rivista – Assoc. “Basilicata Arbereshe”, Club UNESCO Vulture – PRO LOCO UNITE (Ginestra, Barile, Maschito), LEM -ITALIA – Università degli Studi, Teramo, organizzano la GIORNATA NAZIONALE “SALVA LA TUA LINGUA LOCALE”, giunta alla terza edizione, dedicata, quest’anno a G. K. Scanderberg e Madre Teresa:

SKANDERBERG E MADRE TERESA: Giganti dell’Umanità

Ad ospitare l’importante e significativo evento sarà il Comune di San Costantino Albanese, domenica 17 gennaio alle ore 15,00, presso la Casa Parco.
La manifestazione rientra nell’ambito degli incontri itineranti della giornata mondiale “Salva la tua Lingua Locale” – III Edizione UNPLI Roma e nasce in collaborazione con l’ Università di Teramo LEM Italia e le Pro-loco Unite (Ginestra, Maschito e Barile).

La locandina della GIORNATA NAZIONALE "SALVA LA TUA LINGUA LOCALE".

Le origini storiche e linguistiche della comunità in occasione dell’anniversario (548°) dalla morte dell’Eroe nazionale Giorgio Castriota Skanderbeg, figlio di Gjon Kastrioti principe di Croia, sin dalla sua giovane età si distinse come abile condottiero, le cui gesta vengono descritte in numerosi testi di storia ed in maniera singolare nei murales del Maestro Enzo Schillizzi presenti all’ingresso del paese; la scena della morte, le nozze di Scandeberg, il volto ritratto in altri punti caratteristici del paese; nella villa comunale è collocato il busto dell’Eroe. “Baluardo della cristianità e della libertà degli Albanesi” così recita la targa deposta in Piazza Unità d’Italia nell’anno 2006 dall’Amministrazione Comunale in occasione dell’anniversario della sua nascita (600°). Altra figura significativa per il popolo Albanese è quella di Madre Teresa, nata a Skopje da genitori albanesi originari del Kosovo; la celebre religiosa albanese, a cui è stato conferito il premio Nobel per la Pace, ha maturato la propria vocazione per i poveri dell’India in un contesto culturale dominato dall’Impero Ottomano. A relazionare sulle argomentazioni “ Skanderbeg e Madre Teresa: Giganti dell’Umanità” noti Ricercatori Universitari (CNR), Storici e Giornalisti di riviste arbëreshë.

Gli ospiti nella mattinata visiteranno la comunità di San Costantino Albanese; la Chiesa di rito greco-bizantino e il museo della cultura arbëreshe. Saranno presenti per l’occasione giovani in costume medioevale con i tamburi “RRethnes” da Maschito.

Le ultime notizie vogliono che, a causa del tempo inclemente, l’evento culturale di San Costantino Albanese, è stato rinviato nei prossimi giorni.

Ecco il comunicato pervenutoci:

COMITATO.docx 17.1. 16 RINVIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*